Benvenuti nel nostro sito web

Nel nostro sito potrete trovare informazioni sulla nostra Associazione e le nostre attività. Approfondire meglio cosa facciamo e soprattutto cosa possiamo fare per voi.

Questo sito vi consentirà di conoscerci meglio e di entrare in qualsiasi momento in contatto con noi per ricevere maggiori informazioni.

Non esitate a navigare le nostre pagine e a contattarci per ulteriori informazioni.
Il nostro obiettivo è semplificare le procedure nel Sociale e in questo lavoriamo per Voi e con Voi!

La Nostra Struttura

L’Associazione Antropos O.N.L.U.S, animata da un gruppo di persone che hanno maturato l’impegno culturale, sociale e politico a seguito di anni di lavoro nel mondo della cooperazione e nelle comunità straniere e zingare di Roma, si costituisce nel mese di luglio del 1997 per agire con le fasce sociali più deboli emarginate e/o escluse socialmente, economicamente e culturalmente: ragazzi/e della periferia, detenuti/e ed ex-detenuti/e ex-tossicodipendenti, stranieri/e, zingari/e, contro tutte le ragioni economiche, politiche-partitiche, culturali, etniche, religiose e sociali che determinano la condizione di esclusione/emarginazione.

L’associazione persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale ed in particolare persegue i seguenti scopi:

● sostenere il valore del pluralismo rispettando motivazioni e scelte diverse. Ciò vuol dire non imporre il proprio modo di pensare, riconoscere la libertà di coscienza, non operare discriminazioni fra sessi, ideologie o confessioni.

● svolgere un ruolo attivo sul territorio anche attraverso l’attivazione di risorse locali. La  Comunità Locale è quindi il luogo dove sperimentare un diverso modo di concepire e costruire politiche sociali più vicine alle reali esigenze/bisogni dei cittadini che in essa vivono.

Siamo ubicati e lavoriamo sul territorio del VII Municipio del Comune di Roma
           

LE RAGIONI DEL NOSTRO IMPEGNO

Sottrarre una fascia, la più ampia possibile, di giovani dalle condizioni di negazione che scaturiscono, oltre che dal degrado economico famigliare, dal degrado urbanistico, ambientale e culturale nel quale siamo costretti a vivere nelle periferie metropolitane.

Oggi, tutti gli insediamenti di edilizia popolare condividono il dramma di una condizione di forte ghettizzazione economica, culturale e di intolleranza sociale, di contesti familiari degradati, di una scuola che si fa sempre più estranea ai suoi problemi, ciò originando veri e propri nodi di un malessere sociale che si connaturano strettamente a comportamenti devianti. In questi luoghi la realtà quotidiana di larghi strati giovanili si carica di valenze negative, i fattori devianti insiti nelle condizioni di vita si potenziano, gli adolescenti risultano sovraesposti ad atteggiamenti discriminatori e devianti espressi dalla parte "adulta".

Questo fa sì che quanti vivono la mancanza di un lavoro, del diritto all'istruzione, del diritto alla socializzazione e partecipazione collettiva, non solo subiscano l'emarginazione-esclusione ma la riproducano verso chi nell'emarginazione-esclusione è debole, è diverso:

-   il bambino/a;

-   l'adolescente;

-   la donna;

-   lo straniero.

 

Le azioni da intraprendere ed intraprese vedono la necessaria complementarietà tra il binomio dell’ approccio psico-pedagoco che  incentra prevalentemente il lavoro sulle problematiche dell’individuo viste come dipendenti dalla sua libera scelta e l’educazione sociale-territoriale dove il disagio della persona è letto ed affrontato prevalentemente, come il prodotto di cause oggettive che ne condizionano e spesso pre-determinano le scelte soggettive.

Da qui l’azione messa in essere dall’associazione è il presupposto di un pensare per un’agire in termini di empowerment per costruire una comunità locale  AGENTE quindi responsabile e partecipe.

Educazione territoriale-sociale come prospettiva d’azione finalizzata alla promozione di reali processi di cittadinanza attiva intesa non solo nelle sue implicazioni giuridiche ma soprattutto come reale ri-annodo del legame tra le persone che animano e vivono la comunità. Cittadinanza come spazio pubblico di apparizione, per dirla come Hannah Arendt, nel quale le persone possono rivelarsi attraverso la parola e l’agire e così facendo possano costruire rappresentazioni e significati condivisi sulla vita comune, sul mondo, prefigurandosi futuri comuni abitabili e narrabili tra le generazioni.

La necessità di un pensiero culturale che guidi un’agire in termini di empowerment scaturisce dal fatto che, promuovere uno sviluppo sostenibile di cui si parla ed a volte straparla, necessita una centralità: quella dell’ambiente ed in esso, l’armonico equilibrio tra gli esseri viventi umani ed animali che siano.

Crediamo che parlare con responsabilità progettuale di sviluppo sostenibile necessiti di un profondo lavoro sui valori/disvalori che guidano oggi le relazioni sociali, culture, progresso.  Di più, crediamo sia necessario ricucire le maglie di un tessuto sociale sempre più sfilacciato e chiuso su un individualismo autoreferenziale.

Nodi sociali da sciogliere dunque, recuperando la carenza-assenza, nell'azione socio-politica, di cultura e di strumenti operativi adeguati a diffondere una informazione capace di generare condivisione e quindi prevenzione ancora prima che repressione-recupero.

 

 

Articolazione dei Servizi

L’Associazione Antropos O.N.L.U.S. svolge la propria attività secondo criteri di trasparenza, obiettività, giustizia e imparzialità. La Carta dei Servizi costituisce lo strumento attraverso il quale ci impegniamo, con l’Amministrazione Pubblica e con i cittadini/clienti, a dichiarare il nostro mandato e le modalità con le quali monitoriamo e valutiamo, con il concorso dei nostri interlocutori, i nostri interventi e il livello di gradimento degli stessi.

Garantisce inoltre, attraverso le proprie strutture, la regolarità e la continuità dei servizi offerti, adottando le necessarie misure per evitare i disagi derivanti dall’interruzione o dal mal funzionamento dei servizi stessi.

I servizi offerti si basano sul principio di uguaglianza dei diritti dei cittadini-clienti, fondato a sua volta sull’articolo 3 della Costituzione, secondo il quale tutti i cittadini hanno pari dignità senza distinzione di sesso, razza, etnia, lingua, religione, condizioni psicofisiche e socioeconomiche.

L’Associazione Antropos O.N.L.U.S. prevede che l’accesso sia il più possibile semplificato, privo di appesantimenti burocratici fatta salva l’adesione volontaria alle attività ed ai programmi concordati.

I cittadini che usufruiscono del nostro servizio hanno potere consultivo e decisionale sul proprio intervento, nel rispetto della nostra filosofia del servizio che considera l’orientamento al cliente non solo un dovere etico ma anche un prerequisito dell’intervento in un’ottica di continua attenzione ai bisogni e di produzione congiunta dei percorsi.

l’Associazione Antropos O.N.L.U.S. fornisce i propri servizi prestando la massima attenzione all’efficienza della propria azione e alla sua efficacia, nell’attuazione dei progetti.

Articolazione dei Servizi:

  • Centro di aggregazione giovanile
  • La Casetta delle Arti e dei Giochi www.lacasettaroma.it (Spazio Ba.bi e Ludoteca)
  • Interventi formativi per: Minori non più soggetti ad obbligo scolastico, adulti a rischio di emarginazione - Sportello SOS Antropos
  • Assistenza dominiciare Minori
  • Servizi di Spazio Neutro e Spazio Minori

Il Personale Qualificato

L’organico dell'Associazione è composto prevalentemente da Educatori Professionali in possesso di diploma di Laurea in Scienze dell'Educazione, ad esso si aggiungono altre figure professionali quali: Assistenti Sociali, Psicologi, Animatori Socio Culturali.

L’organico del centro inoltre, viene arricchito dalla presenza di Tirocinanti provenienti dal corso di laurea in Scienze dell'Educazione che qui hanno la possibilità di esperire, in maniera protetta, quanto appreso teoricamente all’Università.

L’intero Staff Qualificato usufruisce di costante supervisione esterna e formazione a cura di uno Psicoterapeuta.

L'Equipe  partecipa a corsi di Aggiornamento Professionale Annuali e si riunisce settimanalmente per verifiche e programmazione relativi ai singoli Servizi; inoltre viene svolta una riunione Plenaria con cadenza semestrale al fine di armonizzare gli inreventi svolti nei servizi in essere.

Nello specifico le riunioni settimanali vertono in:


● verifica progetto utenti;

● problematiche legate alla gestione dei casi;

● rapporto operatori - utenti;

● pianificazione e programmazione attività;

● varie ed eventuali.

I Nostri Orari